Incentivi assunzione: Mini Guida sulle agevolazioni attive

Mini guida sulle agevolazioni all'assunzione e alla creazione d'impresa

Il 2020, e in seguito il 2021, sono stati definiti anni “schizofrenici” per il mercato del lavoro. Se da un lato le conseguenze della crisi sanitaria si sono fatte sentire in maniera consistente su alcune categorie di lavoratori, dall’altro non sono mancativi incentivi all’assunzione, per cercare di arginare il danno. 

Molte delle misure funzionali a favorire l’inserimento lavorativo sono contenute nella legge di bilancio 2021; con questo articolo intendiamo fare chiarezza sulle agevolazioni alle assunzioni, tema di fondamentale rilevanza per Jobtech.

Cosa sono gli incentivi alle assunzioni? 

Gli incentivi all’assunzione sono benefici normativi, economici o contributivi riconosciuti ai datori di lavoro per l’assunzione di specifiche categorie di persone e a determinate tipologie di soggetti. Tali incentivi sono diretti a supportare economicamente l’ingresso, il reinserimento e la stabilizzazione dei lavoratori attraverso la riduzione o l’azzeramento degli oneri contributivi oppure tramite l’erogazione diretta di un contributo.

Questa definizione può apparire un po’ statica, e non è strano domandarsi a cosa realmente facciano riferimento questa parole: gli incentivi alle assunzioni sono benefici economici e contributivi, che permettono ai lavoratori di assumere risparmiando. Non è un regalo, ma una forma di sostegno prevista per agevolare l’ingresso nel mondo del lavoro di alcune categorie di lavoratori, come i giovani, le donne e gli over 50, per citarne alcuni.

Quali sono le tipologie di assunzione per beneficiare delle agevolazioni?

Senza indugio, passiamo a indicare quali tipologie di assunzioni permettono di accedere ai benefici: 

  • Apprendistato: qualsiasi forma di apprendistato prevista dal nostro ordinamento “gode” dei medesimi incentivi; 
  • Occupazione giovani: assunzione a tempo indeterminato o trasformazione di un contratto a tempo determinato in indeterminato nei confronti di un giovane entro il 36esimo anno d’età;
  • Bonus Donne: Assunzione a tempo determinato, indeterminato o trasformazione di un contratto a termine in indeterminato di donne disoccupate entro il 50esimo anno d’età, residenti in aree svantaggiate, appartenenti a settori con accentuata disparità occupazione;
  • NEET: l’acronimo di “Not in Education, Employment or Training” indica i giovani disoccupati e non impegnati in percorsi formativi o di inserimento lavorativo. È possibile accedere a un incentivo riservato alle assunzioni di NEET iscritti al programma Garanzia Giovani; 
  • Inserimento in azienda di lavoratori iscritti alle categorie protette e lavoratori svantaggiati.

Di quali forme di agevolazioni può beneficiare il datore di lavoro?

Le agevolazioni fiscali per i nuovi assunti  consistono in sgravi contributivi, di diversa entità e durata. Ecco le modalità, di quelle che ci riguardano, tra tutte le agevolazioni attive:

  • Incentivo Apprendistato: sgravio contributivo del 100%, per i primi tre anni del rapporto. 
  • Giovani entro il 36esimo anno d’età: esonero de 100% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un periodo massimo di 36 mesi, nel limite massimo di 6.000 euro annui. Per un periodo massimo di 48 mesi se i datori di lavoro privati effettuino assunzioni in una sede o unità produttiva ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna. 
  • Donne: esonero del 100% dei contributi previdenziali, per un periodo massimo di 18 mesi nel limite di 6.000 euro annui.
  • NEET: esonero dal versamento della contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, della durata di 12 mesi, per un massimo di 8.060 euro annui.
  • Lavoratori con disabilità: il bonus disabili implica che per 36 mesi, se la disabilità è superiore al 79%, si attua un beneficio pari al 70% della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali; scende al 35% se la disabilità è compresa tra 67% e 70%. L’ampiezza del beneficio risale al 70% per quei datori di lavoro che assumono (anche a tempo determinato, ma per un periodo non inferiore ai dodici mesi) disabili psichici o intellettivi con riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%.

Elenco di tutti i bonus e gli sgravi fiscali

Per concludere, forniamo un elenco dei bonus in vigore, per quanto riguarda le assunzioni e la creazione d’impresa. Per la prima categoria, intendiamo: 

  • Esonero contributivo per l’assunzione e l’occupazione giovani; 
  • Esonero contributivo per l’assunzione di donne;
  • Decontribuzione e incentivo occupazione Sud;
  • Bonus rioccupazione e Agevolazione over 50, con esonero contributivo assunzione di lavoratori disoccupati da 12 mesi con almeno 50 anni d’età; 
  • Incentivo INPS per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di soggetti beneficiari di indennità di disoccupazione NASPI; 
  • Sgravio dei contributi INPS per chi assume a tempo pieno e indeterminato soggetti beneficiari del reddito di cittadinanza; 
  • Incentivo assunzione di lavoratori in mobilità.

Per quanto riguarda la creazione d’impresa, molto interessanti gli incentivi recentemente previste nell’operativo “Nuove imprese a tasso zero”, che intende fornire incentivi all’imprenditoria giovanile e femminile. Possono accedervi i giovani under 36, e le donne di tutte le età. 

Gli incentivi prevedono: 

  • contributi a fondo perduto;
  • finanziamenti agevolati a tasso zero di durata massima pari a 10 anni;
  • servizi di tutoraggio tecnico-gestionale, per le sole imprese costituite da non più di 36 mesi.

Per accedervi, è fondamentale rispecchiare questi requisiti: 

  • che le imprese siano state costituite da non più di sessanta mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  • micro e piccola dimensione,
  • costituite in forma societaria;
  • la compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni o da donne.

Abbiamo creato questa mini guida all’assunzione e alla creazione d’impresa con un focus sulle categorie che maggiormente necessitano di aiuto, in questo momento; ci siamo infatti soffermati sulle agevolazioni fiscali per l’assunzione di giovani e le opzioni per le donne impegnate in progetti imprenditoriali. 

Ovviamente, c’è molto di più da sapere! Vuoi conoscere le opzioni per la tua azienda, ricevere una consulenza o semplicemente parlarne con noi? Contattaci!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

    Seleziona se sei un’azienda o un lavoratore, ti invieremo solo le notifiche che ti interessano.

    aziendalavoratore

    Success! Thanks for Your Request.
    Error! Please Try Again.
    Success! Thanks for Your Request.
    Error! Please Try Again.