4 minuti di lettura

Prendere in gestione un bar: cosa devi sapere e quali sono i costi di gestione?

Prendere in gestione un bar

Indice dei contenuti

Quali sono i requisiti per prendere in gestione un bar?Spese per la presa in gestione di un barPrendere in gestione un bar: come funziona
Noi già ti immaginiamo. Ti trovi proprio lì, dietro al bancone, a chiacchierare - un caffè dopo l’altro - con i tuoi clienti più fidati. Predisposto per questo percorso di carriera, un po’ come se questo fosse da sempre scritto nel tuo destino. Probabilmente anche tu - proprio come noi - non riesci a pensare di fare altro nella vita se non prendere in gestione un bar, ed è per questo che ti trovi qui. Buone notizie: abbiamo scritto questa guida proprio per te.

Quali sono i requisiti per prendere in gestione un bar?

Innanzitutto, una debita premessa: prendere in gestione un bar è diverso da aprirne uno, ma noi ci teniamo comunque ad iniziare questo contenuto offrendoti una panoramica dei requisiti indispensabili per realizzare il tuo nuovo progetto di business nel mondo HoReCa. Il bar infatti è una tipologia di esercizio che necessita di specifiche autorizzazioni per poter essere aperto al pubblico. La prima cosa che dovrai fare, quindi, è verificare se l'immobile acquisito risulta essere ancora idoneo al tipo di attività prevista, e soprattutto se sono presenti tutti i compromessi necessari per essere considerato “a regola”. Inoltre - se già non le possiedi - dovrai dotarti di tutte le licenze e i permessi riguardo la somministrazione di alimenti e bevande, ma anche circa il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Ma ancora prima di compiere queste procedure - che potrai concludere con successo se supportato da un commercialista - sarà necessario aver chiaro come funziona la gestione di questo tipo di locale. In particolare, se non hai maturato significativa esperienza nel settore della ristorazione e nella gestione del personale, una volta ricevute le chiavi del tuo nuovo bar potresti trovarti in difficoltà e non sapere da che parte iniziare. Nulla che ci spaventi e che camerieri.it non possa aiutarti a superare.

Spese per la presa in gestione di un bar

Prendere in gestione un bar può essere un'ottima opportunità per farsi strada nel settore, avere un buon margine di guadagno e lavorare in un ambiente stimolante e dinamico, soprattutto se il settore della ristorazione ti appassiona particolarmente. Tuttavia, prima di lanciarti in questa fantastica avventura, vogliamo metterti in guardia circa i costi di gestione che comporta questa attività. Sarà innanzitutto necessario disporre di un capitale iniziale sufficiente a coprire tutte le eventuali spese, ma ancora più importante pianificare un budget che tenga conto di tutte le spese relative all'attività, che abbiamo deciso di riassumere in un elenco:
  • L’affitto;
  • Il personale;
  • L’acquisto di attrezzature e prodotti;
  • Le utenze;
  • Le tasse;
  • Le assicurazioni;
  • I fornitori;
  • Le materie prime.
Insomma, alla luce di questo si tratta di un importo impossibile da stimare che può dipendere sicuramente tanti fattori ma non poco irrilevante.

Prendere in gestione un bar: come funziona

Premesso che - grazie alle nostre guide - su come gestire un bar non ci sono dubbi, approfondiamo l’argomento per aggiungere ancora più competenze al tuo bagaglio. Acquisire un bar già esistente può essere una soluzione vantaggiosa e conveniente, in quanto consente di ridurre notevolmente i costi di avvio e ritrovarsi immediatamente un locale avviato con una clientela fidelizzata. Tuttavia bisogna prestare particolare attenzione allo stato dell'attività, valutare il potenziale del locale e verificare non solo se questo è in linea con le proprie esigenze, ma anche se è già attrezzato nella sua totalità per potersi definire definitivamente pronto ad accogliere i clienti. Ma c’è di più, un aspetto di cui forse si parla fin troppo poco: una delle tue tante responsabilità sarà soprattutto rivolta ad esaminare i contratti di lavoro in essere. Sì, perché prendere in gestione un bar avviato significa anche acquisire gli eventuali dipendenti che fino a quel momento hanno lavorato sotto la vecchia gestione e sarà tuo compito instaurare con loro un nuovo rapporto lavorativo, con la speranza che sia basato su fiducia e stima reciproca. Di caffè, brioches e spremute non ce ne intendiamo quanto te, ma c’è una cosa che sappiamo fare sicuramente bene: gestire e prendersi cura delle risorse umane, il nostro obiettivo più importante. Per questo non abbiamo dubbi che i nostri servizi di outsourcing e ricerca del personale si riveleranno perfetti per la tua attività.

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Sei un’azienda e cerchi personale? Scrivici!

Oppure chiamaci al

02 82958519

Potrebbe interessarti…

Gestione dei turni al ristorante: come pianificare i turni di lavoro dei tuoi dipendenti al meglio?

Ti sei sempre chiesto come pianificare al meglio i turni dei collaboratori che lavorano nel tuo ristorante? Le risposte che cerchi sono in questa guida!

Leggi guida

Come gestire l’incidenza del costo del personale nella ristorazione

Le domande sull’incidenza del costo del personale sul fatturato nel mondo Ho.Re.Ca. sono davvero moltissime, e meritano un approfondimento. Eccoci a proporre il nostro punto di vista sulla questione!

Leggi guida

Quali sono i migliori software per la gestione di un ristorante?

Un gestionale per ristorante probabilmente ti serve, ma forse non lo sai. Dalla gestione delle ordinazioni alle scorte di magazzino, le opportunità che i programmi possono garantire sono molteplici.

Leggi guida