Cos’è la legge di Okun? Proviamo a spiegarlo in parole semplici.

Nel panorama complesso dell’economia, la legge di Okun emerge come riferimento empirico che svela il legame intricato tra crescita economica e occupazione. Questo principio, coniato da Arthur Okun, offre un’interessante chiave di lettura per comprendere come le fluttuazioni del prodotto interno lordo (PIL) influiscono sul tasso di disoccupazione.

In questo articolo esploreremo con attenzione come questa teoria si intreccia con il tessuto aziendale, svelando il ruolo delle imprese nel contesto della legge di Okun. Scopriremo come le decisioni aziendali in materia di assunzioni e gestione dei dipendenti si intrecciano con questa legge, delineando il percorso tra teoria economica e impatto concreto sulle dinamiche occupazionali.

Legge di Okun: definizione e formula.

La legge di Okun è una relazione empirica tra la variazione del tasso di disoccupazione e la crescita del prodotto interno lordo (PIL) di un paese. Questa legge è stata formulata dall’economista Arthur Okun ed è stata proposta per la prima volta negli Stati Uniti negli anni ’60.

Nella sua formulazione originaria, ideata in riferimento all’economia post-bellica degli Stati Uniti d’America nel periodo 1947-1960, la legge di Okun afferma che: 

“Per ogni punto percentuale di aumento del tasso di disoccupazione superiore al 4%, il tasso di crescita della produzione diminuisce mediamente del 3%”.

Matematicamente è possibile esprimere la legge di Okun in questo modo:

U – u = -o(P – Pt)

Ovvero la variazione del livello di occupazione in un determinato periodo (U-u) è uguale alla differenza tra la crescita della produzione dello stesso periodo (P) ed il tasso di crescita normale di quella zona economica (Pt), moltiplicati per l’inverso del coefficiente di Okun (o).

In termini più semplici, la legge di Okun suggerisce che una crescita economica più elevata è associata a una diminuzione della disoccupazione e viceversa. Tuttavia, la relazione non è perfettamente lineare, e fattori come la produttività del lavoro, i cambiamenti strutturali nell’economia e altre variabili possono influenzare il modo in cui la disoccupazione risponde alle variazioni del PIL.

Perché è importante conoscere questa formula?

Nonostante la complessità che può accompagnare l’apprendimento di questo concetto tecnico, è fondamentale comprendere l’importanza della legge di Okun, poiché fornisce un chiaro orientamento per la politica fiscale volta a intervenire sui livelli occupazionali.

Innanzitutto, sottolinea che la riduzione della disoccupazione non dipende solamente dalla crescita del PIL, ma è necessario che tale crescita superi un determinato livello. In secondo luogo, la legge di Okun suggerisce che la flessibilità del mercato del lavoro, sia in entrata che in uscita, può influenzare la risposta occupazionale alle fluttuazioni della crescita, sia in modo positivo che negativo.

Questo implica che, da un lato, un mercato del lavoro flessibile favorisce una migliore risposta occupazionale durante periodi di crescita sostenuta. Dall’altro lato, ciò pone la necessità per il legislatore di sviluppare strumenti di sicurezza sociale in grado di sostenere i redditi durante le fasi di calo della produzione. 

Insomma, conoscere questi principi può essere prezioso per adottare politiche economiche mirate di fronte alle dinamiche del mercato del lavoro.

Legge di Okun e mondo del lavoro: qual è la connessione?

Nel contesto del mondo del lavoro, la legge di Okun è spesso utilizzata per valutare come la dinamica dell’occupazione risponda alle fluttuazioni economiche

Ad esempio, durante periodi di recessione economica, la produzione e il PIL tendono a diminuire, il che può portare a un aumento della disoccupazione. Al contrario, durante periodi di crescita economica, si può osservare una riduzione della disoccupazione.

Gli economisti e i responsabili politici utilizzano la legge di Okun come uno strumento per comprendere la relazione tra il benessere economico di un paese e le sue dinamiche occupazionali, contribuendo così a formulare politiche fiscali mirate a promuovere l’occupazione e la crescita economica.

In che modo la legge di Okun può influenzare le aziende che cercano personale?

Abbiamo visto che questa legge fornisce un quadro essenziale che le imprese dovrebbero considerare attentamente mentre navigano attraverso le dinamiche complesse tra la crescita economica e l’occupazione. Sul piano pratico, vediamo ora come questa teoria può influire direttamente sulle decisioni aziendali in materia di assunzioni e gestione del personale:

  • Relazione tra crescita economica e occupazione. La legge di Okun stabilisce una relazione tra la crescita economica, misurata attraverso il PIL, e il tasso di disoccupazione. Le aziende possono tener conto di questa relazione per prevedere come la loro crescita o contrazione possa influire sulla disponibilità di manodopera sul mercato;
  • Pianificazione delle assunzioni in rapporto alla crescita prevista. Se un’azienda prevede una crescita significativa delle proprie attività potrebbe essere più propensa ad assumere personale per soddisfare la domanda crescente. D’altra parte, durante periodi di recessione, potrebbe essere più cauta nelle assunzioni;
  • Flessibilità del mercato del lavoro. La legge di Okun suggerisce che la flessibilità del mercato del lavoro può influenzare la risposta occupazionale alle fluttuazioni economiche. Le aziende che cercano personale potrebbero essere più inclini a considerare modelli di lavoro flessibili, come la somministrazione di lavoro o i contratti a termine, in risposta alle variazioni della domanda del mercato;
  • Considerazioni per la stabilità dei dipendenti. Poiché la legge di Okun evidenzia l’importanza di garantire la sicurezza sociale durante periodi di calo della produzione, le aziende potrebbero prendere in considerazione politiche a vantaggio dei dipendenti, come assicurazioni sanitarie e altri fringe benefit, per mantenere la stabilità del personale anche in periodi di incertezza economica.

In sintesi, la legge di Okun fornisce un contesto teorico che consente alle aziende di valutare in modo più informato le loro strategie di assunzione e di adattarsi alle variazioni dell’ambiente economico. Di conseguenza, la comprensione di come la crescita economica influisce sull’occupazione può aiutare le aziende a prendere decisioni più consapevoli.


Jobtech è il partner HR che ti aiuta a trovare, assumere, gestire e valorizzare le persone con le competenze giuste. Scopri le nostre soluzioni per aziende, oppure contattaci per parlare con un consulente delle tue esigenze.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

    Seleziona se sei un’azienda o un lavoratore, ti invieremo solo le notifiche che ti interessano.

    aziendalavoratore

    Success! Thanks for Your Request.
    Error! Please Try Again.
    Success! Thanks for Your Request.
    Error! Please Try Again.